logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Interessi moratori

Gli interessi moratori maturano in seguito a un inadempimento da parte del debitore che ritarda nel pagamento di una rata. Si devono per legge, come gli interessi legali.

casetta su una pila di denaro
Cosa sono gli interessi moratori?

Gli interessi moratori devono essere corrisposti in seguito a un inadempimento da parte del debitore che ritarda nel pagamento di una o più rate del finanziamento. La finalità degli interessi di mora è, infatti, sanzionatoria e l’obbligo a versarli scatta automaticamente, dal giorno successivo alla scadenza del termine di pagamento della rata, senza quindi rendere necessaria la costituzione in mora del debitore e a prescindere dal fatto che questo dimostri di essere o meno in possesso di quella somma.

La percentuale da corrispondere è determinata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze sulla base di un parametro stabilito dalla BCE, valore poi maggiorato dell'8% per le transazioni commerciali.

Nel caso di un mutuo, il calcolo degli interessi moratori viene effettuato sulla sola quota capitale del finanziamento, ma se diversamente stabilito all’interno dal contratto, la banca può calcolarli anche sugli interessi, secondo quel fenomeno denominato anatocismo.

Così come avviene per gli interessi legali, anche gli interessi moratori sono dovuti per legge, a prescindere da un accordo tra le parti del contratto di credito. Diversa è, invece, la natura degli interessi corrispettivi, che sono sempre invece pattuiti tra le parti.

Anche per gli interessi legali vale la regola che non possono essere superiori al tasso di usura, che costituisce sempre la misura massima di riferimento, oltre la quale il tasso diventa illegale.

Ultimo aggiornamento 18/11/2021

Termini correlati