logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Interessi legali

Gli interessi legali sono particolari interessi dovuti per legge. Esistono due tipologie di interressi: ex-mora e corrispettivi.

uomo seleziona icona della giustizia
Cosa sono gli interessi legali?

Gli interessi legali sono, come dice il termine stesso, riconosciuti per legge e senza una speciale disposizione tra le parti.

Secondo l’art.1282 del codice civile, i crediti liquidi ed esigibili producono interessi di pieno diritto, salvo che la legge o il titolo stabiliscano diversamente: a ogni obbligazione pecuniaria avente ad oggetto somme di denaro, segue l’obbligazione di corrispondere interessi.

Ricordiamo che vi sono due tipologie di interessi:

  • interessi corrispettivi, che spettano per legge al creditore per il godimento del denaro ricevuto in prestito; 
  • interessi ex-mora, dovuti dal debitore in caso di ritardo nel pagamento.

Al soggetto che riceve con ritardo la prestazione spettano, dal giorno della mora, gli interessi per il ritardo, anche se non ha subito alcun danno.

Gli interessi sono dovuti nel tasso legale quando le parti non hanno pattuito interessi convenzionali maggiori. L’art.1284 del c.c. stabilisce poi che gli interessi superiori alla misura legale devono essere determinati per iscritto, altrimenti sono dovuti nella misura legale.

Gli interessi legali sono applicati per lo più sui prestiti tra privati, quando il creditore non si aspetta un guadagno dal prestito, ma semplicemente un “rimborso” rispetto all'inflazione e alla rendita dovuta dai titoli di stato. Anche qualora il prestito avvenga tra parenti o amici è sempre bene formalizzare la procedura con un contratto, così da tutelare entrambe le parti.

Qualora il prestito fosse erogato da un istituto di credito, come, ad esempio, nel caso del mutuo, gli interessi convenzionali sono stabiliti tra le parti e nel rispetto della legge anti usura. In questa occasione la parte debitrice si impegna a rimborsare il finanziamento e a versare gli interessi, un “sovrapprezzo” che si corrisponde al creditore come ricompensa del servizio e per coprire eventuali costi sostenuti.

Termini correlati