logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Condono Edilizio

Il condono edilizio è un’autodenuncia con cui un cittadino può dichiarare opere e lavori su un edificio mai dichiarati in precedenza senza andare incontro alla relativa pena.

 

condominio residenziale con auto parcheggiate in strada
Cos'è il condono edilizio

Con condono edilizio si intende la possibilità da parte di un cittadino di evitare la pena relativa a opere o lavori effettuati su edifici di proprietà senza aver fatto regolare richiesta. Il condono edilizio è normato da leggi speciali che possono essere emanate dal Governo con una durata limitata nel tempo e che consentono al cittadino di sanare la propria irregolarità rientrando nella legalità.

Per sanare un abuso edilizio, il cittadino è tenuto a rispettare tempi e modalità entro i limiti stabiliti dal condono.

I condoni edilizi possono riguardare, ad esempio, illeciti compiuti:

  • costruendo opere o edifici più grandi del consentito;
  • costruendo su superfici non edificabili;
  • costruendo opere o edifici che violavano le norme relative alle distanze minime da tenere rispetto agli edifici confinanti.

Il primo condono edilizio è stato legiferato in Italia nel 1985, quando il legislatore ha provveduto a una sanatoria che prendeva in considerazione il gran numero di costruzioni abusive sull’intero territorio nazionale. Ulteriori condoni edilizi sono stati poi ufficializzati nel 1994 e nel 2003 e anche negli ultimi anni sono state apportate integrazioni relative a determinati territori.

L’alto numero di richieste di condono presentate nei decenni scorsi ha fatto sì che ancora oggi non tutte le pratiche siano state evase. Ciò si traduce, per chi sta cercando una casa da acquistare, in un ulteriore fattore da tener presente. Prima di procedere a effettuare un’offerta per l’acquisto e una richiesta di concessione del mutuo è, infatti, fondamentale accertarsi che sull’immobile individuato non gravi un abuso edilizio e che non penda su di esso una richiesta di condono in attesa di approvazione.

Termini correlati