logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Possesso

L'acquisto del possesso si verifica quando viene esercitato il potere sulla cosa e quando c'è la volontà del possessore. L'acquisto del possesso avviene anche con la successione o tramite accessione.

famiglia felice sul divano di casa
Possesso di un immobile

Per possesso si intende il potere sulla cosa che viene manifestato in un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o di altro diritto reale. Così come stabilito dall'articolo 1140 del Codice Civile, è possibile possedere una cosa direttamente o per mezzo di un'altra persona che ha la detenzione della cosa. Il possesso continua anche grazie all'erede per effetto della successione: l'erede diventa possessore se accetta l'eredità.

Sono due gli elementi che caratterizzano il possesso: animus (psicologico) e corpus (materiale). Nel primo caso si fa riferimento all'aspetto psicologico e quindi alla volontà del soggetto di esercitare sul bene i poteri del proprietario o del titolare di altri diritti reali. Il soggetto ha la volontà di tenere la cosa per sè (animus possidendi). Nel secondo caso il riferimento è al potere che di fatto viene esercitato materialmente sul bene (corpus). Il possesso viene meno quando uno dei due elementi (corpus o animus) viene a mancare.

A contraddistinguere la detenzione è, invece, soltanto l'aspetto materiale o oggettivo in quanto va intesa come mera disponibilità della cosa. Il fatto che attualmente si possegga una cosa, non ne fa presumere però un possesso anteriore, a meno che il possessore non abbia un titolo a fondamento del possesso. In tal caso si presume che abbia posseduto la cosa dalla data del titolo.

Si può parlare di acquisto del possesso quando viene esercitato il potere sulla cosa e quando c'è la volontà del possessore. L'acquisto del possesso si verifica anche con la successione o tramite accessione. Inoltre perfino in caso di rinuncia, va fatta una dichiarazione formale. Risulta senza effetto, invece, il possesso delle cose di cui non si può acquistare la proprietà.

Si parla di possesso diretto quando c'è la disponibilità materiale della cosa, e di possesso indiretto quando viene manifestato tramite la detenzione di un terzo che ha la disponibilità della cosa.

Termini correlati