Mercato case Perugia: i prezzi bassi stimolano l’investimento

22/11/2019

Mercato case Perugia: i prezzi bassi stimolano l’investimento

Il mercato immobiliare di Perugia ha ampie opzioni di investimento e, secondo recenti ricerche, i prezzi bassi stanno invogliando i potenziali acquirenti a valutare questa possibilità. Anche perché l’offerta di nuove abitazioni è destinata ad allargarsi, tenuto conto che la parabola discendente delle valutazioni negli ultimi dieci anni si allungherà ulteriormente. Nel primo semestre del 2019, infatti, i valori delle case di Perugia sono diminuiti del 2,5% (dopo il -0,8% nell’intero 2018 e il -3,9% nel 2017, solo per citare il trend degli ultimi due anni). È molto vivace il mercato degli affitti alimentato, come in tutte le città ‘universitarie’, dagli studenti stranieri. Ultima novità è la crescente domanda di studenti cinesi, contestuale ai corsi “Progetto Marco Polo”.

Nuova Monteluce: progetto riqualificazione non si sente ancora

Sotto i riflettori i prezzi di Monteluce, in discesa dopo il trasferimento dell’Ospedale a San Sisto. Ancora dunque non si vedono gli effetti di ‘Nuova Monteluce’, importante intervento nell’area dell’ex Policlinico che occupa la sommità di una collina a poca distanza dal Centro. Il progetto prevede centinaia di nuove residenze, appartamenti per universitari, uffici, spazi commerciali, superfici ricettive per turisti e studenti, servizi socio-sanitari, attività per l’istruzione e il tempo libero. Al momento i prezzi sono di 900 euro/ mq per le case ristrutturate e di 500-600/mq per quelle da ristrutturare. Resistono i valori a Toppo di Monteluce dove si concentrano le soluzioni liberty. Il ristrutturato si scambia a prezzi medi di 1.200 euro al mq.

Centro: ambito dagli avvocati e da chi vuole investire

Tra le strade maggiormente apprezzate nel Centro storico ci sono corso Cavour, via Pellini, Corso XX Giugno, Porta Sole e, nell’ultimo periodo, corso Bersaglieri (in zona di Porta Pesa). Acquistare un appartamento usato in queste zone costa mediamente mille euro/mqin quest’aera è composta da monolocali, bilocali e trilocali da ristrutturare in palazzine storiche sorte tra il 1300 e i primi anni del ‘900. Più ampie le soluzioni in via Pellini che, ristrutturate, sono valutate circa 1.500/mq. Nel Centro storico si registrano prevalentemente acquisti per investimento da indirizzare a studenti. Per un bilocale si investono intorno a 50-80mila euro, che poi si affittano a 380-400 euro/mese. Si segnala che in Corso Cavour si sono insediati diversi studi legali.

Madonna Alta, quartiere strategico per chi vuole tranquillità

Prezzi in lieve discesa anche nel quartiere di Madonna Alta, in particolare sulle soluzioni da ristrutturare e sulle abitazioni a ridosso della stazione (dove per abitazioni degli anni ’90 si spendono 800 euro/mq. In quest’area è significativo il fenomeno dell’acquisto per investimento. La zona più residenziale è infatti quella di Madonna Alta, dove soluzioni anni ’70 acquistabili a 1.200 euro/mq si alternano ad altre, di alcuni anni fa, che costano 1200-1300 euro/mq. L’area è verde e ben servita, anche per la vicinanza col raccordo stradale Perugia-Bettolle. Si chiedono prevalentemente trilocali da 90 mq possibilmente con 2 bagni. Il budget oscilla tra 90 e 100 mila €, la tipologia più richiesta è il trilocale e l’elemento considerato fondamentale è l’ascensore.

Chi intende progettare un acquisto di un’abitazione nel capoluogo umbro può iniziare a farsi un’idea di quello che è l’attuale realtà di questo mercato consultando la sezione mutui di Segugio.it, sito che permette facilmente di comparare le varie offerte delle banche in materia di mutui. A questo proposito il 22 novembre abbiamo effettuato una simulazione usando come profilo un cliente di 35 anni, residente a Perugia che – per finanziare l’acquisto della prima casa - necessita di un mutuo di 100mila euro a 20 anni, per un immobile del valore complessivo di 200mila euro. L’ordine della classifica è in base al TAEG.

Le migliori offerte di mutuo a tasso fisso

Tra le migliori offerte di mutuo a tasso fisso spicca quella di Credit Agricole con il suo “Mutuo Base”: rata di 452,35 euro, tasso 0,83% (Irs +0,36%), Taeg 1,01%. Le spese di istruttoria di 500 euro e quelle di perizia a 201,30 euro. Subito dietro c’è l’offerte di Credem, con una rata di 446,63 euro, Tan dello 0,70% (Irs +0,60%), Taeg dell’1,01%, spese di istruttoria di 1.200 euro e di perizia di 280 euro. Al terzo posto la proposta di Hello Bank! – Bnl Gruppo Bnp Paribas con il suo “Hello! Home fisso”: rata mensile di 453,23 euro, tasso fisso finito dello 0,85%, Taeg dell’1,02%, spese di istruttoria di 600 euro e di perizia di 300 euro. Tutte e tre le offerte assicurano queste condizioni a operazioni gestite tramite web, entro i termini previsti.

Le migliori offerte di mutuo a tasso variabile

Nel segmento dei mutui a tasso variabile la ‘testa’ delle migliori offerte è di “Mutuo in tasca” di Intesa Sanpaolo con una rata di 435,39 euro, Tan 0,44% (Euribor mensile maggiorato di 0,90 punti), Taeg dello 0,65% e spese di istruttoria di 550 euro e di perizia di 320 euro. Al secondo posto Credem, che offre ottime condizioni per un prestito ipotecario: rata mensile di 430,92 euro, Tan 0,34% (Euribor trimestrale maggiorato di 0,75 punti), Taeg dello 0,68%, spese di istruttoria di 1.200 euro e di perizia di 280 euro. Subito dietro c’è Unicredit con Mutuo Unicredit Tasso Variabile, con una rata di 439,54 euro, Tan 0,54% (Euribor trimestrale più 0,95 punti), Taeg 0,70%, spese di istruttoria di 500 euro e di perizia di 250 euro.

A cura di Fernando Mancini
Come valuti questa notizia?
Mercato case Perugia: i prezzi bassi stimolano l’investimento Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
Segnala via email Stampa
CONSULENZA GRATUITA
OPPURE CLICCA QUI PER ESSERE RICHIAMATO
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile