VOLI HOTEL MUTUI
PRESTITI CONTI E FONDI ADSL LUCE GAS ASSICURAZIONI
logo segugio.it

Tasse sulla casa: local tax solo dal 2016

09/03/2015

Tasse sulla casa: local tax solo dal 2016

Il 2015 sembra essere l’anno delle conferme per quanto riguarda le tasse sugli immobili, che non verranno inglobate dalla Local Tax omnicomprensiva, come invece si ventilava negli scorsi mesi.
Il Governo varerà la nuova tassa sulla casa soltanto nel 2016. Nel frattempo, resterà in vigore la Iuc (imposta unica comunale), il tributo che comprende Imu, Tasi e Tari. 

La buona notizia per i contribuenti è che, grazie alla clausola “evita rincari”, la Legge di Stabilità ha confermato per l’anno in corso la percentuale di imposizione fiscale della Tasi dello scorso anno, con un’aliquota massima del 2,5 per mille. Resta facoltà dei singoli Comuni l’azzeramento del tributo, laddove si è in grado di garantire la stabilità dei conti pubblici e la salute del bilancio.

Si conferma dunque il trend evidenziato dal Rapporto del Dipartimento Finanze del Mef realizzato in collaborazione con l’ Agenzia delle Entrate.

Nell’analisi, si evidenzia come il gettito di Tasi e Imu sia rimasto stabile nell’ultimo triennio. Il che significa che, nel periodo compreso tra il 2012 e il 2014, le tasse sugli immobili non hanno subito variazioni sostanziali. Non bisogna dimenticare tuttavia che, anche nel 2015, le amministrazioni comunali potranno aumentare le imposte dello 0,8 per mille: il che significa un limite massimo per la Tasi del 3,3, del’11,4 per mille per l’Imu.

Per quanto riguarda la Local Tax, prevista per il 2016, il Ministro Carlo Padoan ha comunque garantito che non ci saranno aumenti alla pressione fiscale. Il nuovo tributo potrebbe portare alla cancellazione dell’addizionale comunale all’Irpef, per un valore complessivo di 4.2 miliardi di euro all’anno: a compensazione di questa manovra, potrebbe essere cancellata “quota erariale” dell’Imu su capannoni e alberghi, oppure una sovraimposta Irpef, anche se non è ancora chiaro quale soluzione verrà adottata per garantire la stabilità dei conti pubblici. 

Le scadenze per il pagamento dei tributi 2015 resteranno invariate rispetto allo scorso anno, ovvero 16 giugno per l’acconto, 16 dicembre per il conguaglio.

Al di là delle aliquote che non subiscono rilevanti modifiche, la vera novità per i contribuenti è costituita dai bollettini precompilati. Per semplificare il pagamento delle tasse, i Comuni metteranno a disposizione dei cittadini i moduli di pagamento precompilati, che verranno inviati direttamente a casa, permettendo il pagamento in un’unica soluzione o con rateizzazione. Qualora i contribuenti non ricevessero tale documentazione, possono farne richiesta all’Amministrazione Comunale. 

A cura di Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Tasse sulla casa: local tax solo dal 2016 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Visure catastali: entrano in gioco i metri quadri pubblicato il 1 dicembre 2015
Imu e Tasi: ancora poche ore per pagare! pubblicato il 15 dicembre 2015
Immobili, i dati sulla superfice inseriti nelle visure catastali pubblicato il 18 novembre 2015
Nuove aliquote IMU per il calcolo dell'ultima rata pubblicato il 14 novembre 2012
La lenta ripresa del mercato immobiliare pubblicato il 6 aprile 2016
CONSULENZA GRATUITA
OPPURE CLICCA QUI PER ESSERE RICHIAMATO
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile