Acquisto casa e Iva: quali compravendite devono pagarla?

02/10/2013

Nel quadro delle compravendite immobiliari il pagamento dell’Iva, l’Imposta sul valore aggiunto, è dovuta nel caso in cui l’acquisto venga effettuato direttamente da un’impresa costruttrice entro cinque anni dalla fine dei lavori di costruzione o ristrutturazione. In un solo caso, però, l’acquirente è destinato a pagare per intero l’imposta ordinaria, la quale, a partire da martedì 1° ottobre 2013, è salita dal 21% al 22%: ciò avviene nel caso di compravendita di un immobile che rientra nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e quindi considerato immobile di lusso.

In caso di acquisto di altre tipologie di immobili, il nuovo proprietario può infatti beneficiare di due riduzioni sull’Iva a seconda che l’immobile in questione sia destinato a prima casa o ad altro utilizzo: nel caso si tratti dell’abitazione principale l’Iva è del 4%, in caso diverso l’imposta sale al 10%. Per entrambi i casi nessuna modifica al rialzo è stata introdotta a partire dal 1° ottobre 2013.

Nella pagina Le imposte sull’acquisto casa presente nella sezione Guide Mutui di Segugio.it, puoi trovare tutte le informazioni sulle imposte previste, e le eventuali agevolazioni fiscali, per ogni tipologia di compravendita immobiliare.

Come valuti questa notizia?
Acquisto casa e Iva: quali compravendite devono pagarla? Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
Segnala via email Stampa
ARTICOLI CORRELATI:
Il mercato delle case di lusso va a gonfie vele: il caso milanese pubblicato il 29 novembre 2019
Mattone: prezzi in calo e boom di aste pubblicato il 15 gennaio 2020
Adesso ci vuole meno tempo per vendere casa pubblicato il 27 aprile 2019
Lombardia: la locomotiva italiana del mercato immobiliare pubblicato il 07 gennaio 2020
ABI conferma: tassi dei mutui mai così bassi pubblicato il 07 agosto 2019
CONSULENZA GRATUITA
OPPURE CLICCA QUI PER ESSERE RICHIAMATO
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile