logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Tasso Variabile con Cap o Capped Rate

Il tasso variabile con Cap è consigliato a chi è alla ricerca di una soluzione intermedia tra tasso fisso e variabile. Si beneficia, infatti, di un tasso variabile senza, però, travalicare il tasso massimo prestabilito per contratto.

mano posiziona freccia verso l'alto
Tasso variabile con cap o capped rate: perchè sceglierlo

Si parla di tasso variabile con Cap o Capped Rate per indicare un tasso di interesse variabile, applicato a un mutuo, che presenta un tetto massimo oltre cui il tasso da applicare non può andare, a prescindere dall'aumento del mercato dei tassi. Il termine "cap", che in inglese significa "berretto", rappresenta la soglia che non può essere superata e su cui dunque si calcola l’importo massimo delle rate.

Chi sceglie un mutuo a tasso variabile con Cap, beneficia dei vantaggi del mutuo a tasso variabile quando l’Euribor cala e al contempo si "difende" da eventuali picchi del tasso grazie al Cap. Naturalmente la presenza di questo "tetto" ha un costo per i clienti. I mutuatari che optano per questa tipologia di tasso avranno, infatti, uno spread più alto rispetto a un classico mutuo a tasso variabile.

Il tasso variabile con Cap permette ai mutuatari di conoscere sin dall’inizio l’ammontare massimo che la rata potrebbe raggiungere con il passare del tempo. Ma non è l’unico vantaggio. Chi sceglie questa formula, sfrutta tutti i punti di forza del tasso variabile, tutelandosi contemporaneamente da possibili picchi del tasso mediante il Cap. Di contro lo spread, che viene applicato dalle banche, è più elevato in quanto gli istituti di credito devono compensare i costi connessi a questa formula. Inoltre alcune banche applicano in aggiunta un tasso ‘floor’, ossia una soglia minima sotto cui la rata da rimborsare non può scendere.

A chi è consigliato?

Il tasso variabile con Cap si rivolge a coloro che sono alla ricerca di una via di mezzo tra la stabilità del tasso fisso e l’opportunità di risparmio data dal tasso variabile. Chi opta per il tasso variabile con Cap desidera beneficiare delle oscillazioni al ribasso senza però rischiare forti risalite dei tassi. Questa soluzione va scelta soprattutto quando gli indici di riferimento (Euribor o tasso BCE) sono bassi, ma si prospetta un loro rialzo in futuro.

Termini correlati