logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Cancellazione di ipoteca

La cancellazione di ipoteca interessa le ipoteche iscritte a garanzia di mutui e finanziamenti, erogati da banche e società finanziarie o concessi da enti di previdenza obbligatoria a clienti e iscritti.

modellino di casa e chiavi su sfondo blu
Come avviene la cancellazione d'ipoteca

La cancellazione di ipoteca è un procedimento che fa riferimento a ipoteche iscritte a garanzia di mutui e finanziamenti, erogati da banche e società finanziarie o concessi da enti di previdenza obbligatoria a clienti e iscritti. Con questa procedura l’iscrizione ipotecaria viene rimossa dai registri immobiliari.

L’ipoteca dà il potere al creditore di espropriare i beni vincolati a garanzia del suo credito. Essa può essere legale, giudiziale o volontaria. Ritroviamo quest’ultima in caso di mutuo ipotecario. Sono tre le modalità di cancellazione di ipoteca volontaria: automatica (nel caso di contratto di mutuo), con ordinanza del giudice e con atto notarile.

Ai fini della cancellazione semplificata di un’ipoteca, è necessario che il creditore inoltri una comunicazione di avvenuta estinzione del debito al competente ufficio dell’Agenzia delle Entrate – Reparto di pubblicità immobiliare. Grazie al Registro delle comunicazioni, inoltre, è possibile verificare lo stato di lavorazione della cancellazione di un’ipoteca. Tale servizio è gratuito e disponibile presso i servizi di pubblicità immobiliare; i servizi telematici Entratel e Fisconline e presso i servizi telematici Sister. Per accedere alle informazioni, occorre il codice fiscale del debitore.

Solitamente le tempistiche per la cancellazione dell’ipoteca volontaria non sono lunghe. La cancellazione dovrebbe avvenire nell’arco di un mese. Per la cancellazione dell’ipoteca giudiziale, ossia decretata da un giudice per un mancato pagamento di un debito, i tempi possono essere più lunghi.

Come funziona

Il Conservatore, una volta ricevuta la comunicazione di estinzione dell’obbligazione, passa a un controllo della documentazione per poi inserire la comunicazione nel Registro delle comunicazioni. Verifica poi la mancata comunicazione della permanenza dell’ipoteca nei 30 giorni dall’estinzione dell’obbligazione e, entro il giorno successivo, il Conservatore cancella d’ufficio l’ipoteca, senza spese.

Così come disposto dalla legge Bersani numero 40/2007 non sono previsti, infatti, costi aggiuntivi per la cancellazione dell’ipoteca. Non è, inoltre, necessario l’intervento di un notaio.

Cancellazione di ipoteca non è sinonimo di estinzione: l’ipoteca iscritta a garanzia di obbligazioni derivanti magari da un contratto di mutuo si estingue automaticamente alla data di estinzione dell’obbligazione garantita anche senza essere cancellata dal registro.

Termini correlati