logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555 Chiama gratis 800 999 555

Mora del creditore

La mora del creditore, conosciuta anche come mora accipiendi, si verifica nel momento in cui il creditore non accetta quanto previsto in origine o non rende possibile l’adempimento dell’obbligazione da parte del debitore.

uomo illustra documento a una donna
Mora del creditore: cos'è?

La mora del creditore si verifica quando un creditore, senza motivo legittimo, non accetta quanto previsto dagli accordi o non rende possibile al debitore di saldare il dovuto. Tale mora di distingue dalla mora del debitore (detta anche mora debendi), che corrisponde, invece, a un ritardo ingiustificato nel pagamento da parte di chi è tenuto all’adempimento.

La mora del creditore può verificarsi, dunque, in due casi:

  • Quando un creditore rifiuta una prestazione;
  • Quando un creditore non compie tutte le attività necessarie che consentano al debitore di saldare il dovuto.

A livello giuridico, le due fattispecie di mora sono evidentemente differenti: se nella mora del debitore si arriva, infatti, a conseguenze di responsabilità dal punto di vista civilistico, nel caso di mora del creditore ciò non accade. Il debitore può, inoltre, essere obbligato a versare quanto dovuto mentre il creditore, in caso di mora, non sarà sottoposto a un obbligo, ma a un onere.

Le conseguenze della messa in mora del creditore produce due tipi di effetti:

  • Risulta a carico del creditore l'impossibilità della prestazione sopravvenuta per causa non imputabile al creditore;
  • Interessi o frutti della cosa percepiti dal debitore non sono più dovuti;
  • Il creditore è tenuto a versare il risarcimento danni derivanti dalla mora o le eventuali spese di custodia della cosa dovuta.

Termini correlati