Normativa acquisto abitazione e mutui casa

In questa sezione abbiamo raccolto tutti i documenti utili per approfondimenti sulle tematiche fiscali legate all’acquisto della casa e al mutuo.

Guida fiscale alla compravendita della casa (Agenzia Entrate)

Le imposte da versare quando si acquista casa, gli aspetti fiscali del mutuo, le detrazioni Irpef sulle ristrutturazioni. Sono questi gli argomenti della Guida predisposta dall’Agenzia delle Entrate.
Sono inoltre illustrate in dettaglio le diverse agevolazioni fiscali previste per l’acquisto della prima casa , il credito d'imposta per il riacquisto della prima casa e la detrazione Irpef spettante in caso di acquisto di un immobile che si trovi in un fabbricato interamente ristrutturato.
Scarica la guida fiscale alla compravendita della casa in PDF

Le agevolazioni IRPEF per le ristrutturazioni edilizie, mobili e il risparmio energetico (Agenzia Entrate)

Le guida, oltre alle principali condizioni e ai limiti per fruire delle detrazione standard nella dichiarazione dei redditi, evidenzia le novità introdotte dalle recenti normative:
Tra gli argomenti della guida sulle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie :

  • la detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione e bonus;
  • la detrazione Irpef per gli acquirenti e gli assegnatari di immobili ristrutturati;
  • la detrazione Irpef del 19% sugli interessi passivi;
  • i principali tipi di interventi ammessi alla detrazione.

Di particolare interesse il capitolo riguardante “ i principali tipi di interventi ammessi alla detrazione ”, con un ricco indice analitico in cui per ogni tipo di intervento sono riportate le modalità di intervento e le condizioni di detraibilità.
La guida è completata con un ampio elenco dei provvedimenti (leggi, decreti legge, regolamenti e circolari) emessi in riferimento alle agevolazioni Irpef per le ristrutturazioni edilizie.
Scarica la guida alle ristrutturazioni edilizie in PDF

L’Agenzia delle Entrate ha dedicato una guida al Bonus Mobili ed Elettrodomestici in cui spiega le regole per usufruire, contestualmente a lavori di ristrutturazione edilizia, di specifiche agevolazioni. È infatti possibile richiedere la detrazione del 50% sulla spesa per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici (è importante la classe di consumo energetico) destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Tramite la legge di Bilancio 2020 la detrazione è stata estesa anche agli acquisti effettuati o da effettuare nel 2020, per le ristrutturazioni edilizie iniziate in data non precedente al primo gennaio 2019. È inoltre ancora possibile usufruire del bonus Mobili ed Elettrodomestici relativamente agli acquisti effettuati nel 2019 purché la ristrutturazione edilizia risulti avviata dopo il primo gennaio 2018.
Scarica la guida al bonus mobili ed elettrodomestici in PDF

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico, fissate al 65% dalla Legge di Bilancio 2018 e prorogate a tutto il 2019, sono state ulteriormente confermate dalla Legge di Bilancio 2020. Si tratta di un importante intervento agevolativo che punta a favorire interventi su infissi, impianti di riscaldamento, caldaie, parti comuni dei condomini, facciate per citare gli esempi principali, sui quali si potrà godere di importanti detrazioni.
Il Decreto Rilancio (19 maggio 2020, n.34) ha ulteriormente inciso sulla materia portando al 110% il bonus risparmio (superbonus) per interventi significativi su opere per l’isolamento, impianti centralizzati di riscaldamento, fino ad arrivare ad impianti ibridi o geotermici anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici.
Per approfondimenti si può consultare la sezione dedicata alle agevolazioni per riqualificazione energetica sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
Scarica la guida sulle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico in PDF
Vedi il Decreto Rilancio in G.U.

Decreto legislativo n. 206/2005: Codice del consumo

Con il d. lgs. 6 settembre 2005 n. 206 e successive modifiche è entrato in vigore il Codice del consumo che riunisce, in un unico documento, tutta la normativa posta a tutela del consumatore. Una delle più importanti novità è stata l’introduzione della cosiddetta azione di classe (class action), ovvero la procedura a tutela dei “diritti individuali omogenei dei consumatori e degli utenti” che ogni consumatore può avviare “per l'accertamento della responsabilità” e per l’ottenimento della “condanna al risarcimento del danno e alle restituzioni” in caso di violazione dei diritti del consumatore.

Con il decreto legislativo 21 febbraio 2014 n. 21, sono state introdotte delle modifiche al Codice del consumo, in recepimento della direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori. Il suddetto decreto prevede, in particolare, maggiori tutele nei confronti dei consumatori in materia di acquisti e-commerce e di contratti a distanza, aumentando per questi a 14 giorni di calendario il tempo utile al consumatore per recedere dal contratto senza che vi sia un motivo specifico (diritto di ripensamento).

Un ulteriore aggiornamento lo si è avuto nel 2015 ad opera del Decreto legislativo 6 agosto 2015, n°130 che in attuazione di una specifica Direttiva europea, ha introdotto nell’ordinamento italiano la nuova disciplina sulla risoluzione extragiudiziale delle controversie in tema di consumo.
Scarica il Decreto legislativo 6 agosto 2015 in G.U.

CONSULENZA GRATUITA
OPPURE CLICCA QUI PER ESSERE RICHIAMATO
RICERCA MUTUO
Comune di domicilio
Comune dell'immobile